16-mutti+clara Q

A TEMPORADIO NE HA PARLATO IL DOTT. MUTTI

LA RICOSTRUZIONE DELLA MAMMELLA PER LE DONNE OPERATE DI TUMORE AL SENO

La scorsa settimana Clara Polato e il dottor Mutti sono stati ospiti di TempoRadio. ricordiamo che l’associazione è attiva a Desenzano dal 1987 e offre supporto alle donne operate di tumore al seno, soprattutto dopo l’intervento. Inoltre concede in uso gratuito un’apparecchiatura per il linfodrenaggio, su indicazione del medico. ‘Donna per donna’ garantisce poi un supporto psicologico ed organizza gite ed altre iniziative, come la prossima serata degli auguri del 28 novembre o il corso di ginnastica dolce (info www.donnaperdonna.it oppure 338-5890225). Riguardo al dottor Mutti, egli è specialista in microchirurgia e chirurgia oncologica alla Poliambulanza di Brescia. Sono state oltre 300 le persone operate dal dottor Mutti negli anni di esercizio della professione. Lo specialista si occupa anche di ricostruzione dopo la mastectomia. “Ormai è necessario offrire alla donna una completezza di prestazioni – ha evidenziato Mutti -. La Regione Lombardia, infatti, ha stabilito che da febbraio 2015 sarà obbligatorio per le strutture sanitarie, per avere l’accreditamento, garantire la ricostruzione mammaria a tutte le pazienti che abbiano un’età inferiore ai 70 anni. Oggi risulta spesso preferibile procedere con la mastectomia con ricostruzione immediata, anziché con la quadrantectomia, che dà meno garanzie di guarigione e che spesso dà un esito estetico peggiore”. “La ricostruzione avviene nella maggior parte dei casi con il tessuto della donna stessa, anziché con l’inserimento della protesi – ha chiarito lo specialista -. Quest’ultimo caso è più veloce da predisporre, ma le protesi non sono eterne. Con l’innesto adiposo servono, invece, alcuni interventi,  ma in day hospital e la ricostruzione è più naturale, senza il fastidio di corpi esterni”. Infine un annuncio: l’Università Cattolica con un’associazione americana ha dato il benestare alla Poliambulanza di organizzare nell’ottobre 2015 la ‘Race for the cure’, camminata per famiglie. La finalità è valorizzare il volontariato femminile, col nome di ‘Donne in rosa’. La diretta è sul sito www.temporadio.it. (e.b.)