donna per donna

IL DOTT. LUCIANO CIRELLI A TEMPORADIO

Lo specialista ospite con l’associazione ‘Donna per Donna’

LE DIVERSE CASISTICHE RELATIVE AL CANCRO MAMMARIO

La scorsa settimana a TempoRadio, nell’ambito delle trasmissioni medico-informative di ‘Donna per donna’, è intervenuto il dottor Luciano Cirelli con Clara Polato dell’associazione. Si è parlato di casi particolare capitati allo specialista, degni di commento, di grande interesse e valore informativo. Per esempio, sulla patologia maschile. “Essa è rara: capitano solo 3 uomini ogni 200 donne con casi di carcinoma mammario – ha precisato Cirelli -. Però agli uomini danno metastasi molto precoci, tanto che un paziente si sentiva da tempo un nodulo, non ne ha mai parlato al medico e poi si è fatto visitare per il mal di schiena: era già una metastasi…”. “Altro caso: donna di 39 anni, con bambina di 10 mesi, si sentiva un nodulo. Era un tumore. Il suo medico curante le aveva sempre detto che avrebbe dovuto iniziare i controlli a 40 anni: un consiglio orribile, è del tutto insufficiente la palpazione del dottore di famiglia! Così emerge solo un terzo dei casi in cui c’è già una patologia”, ha sottolineato Luciano Cirelli. Altro caso capitato allo specialista: “Una signora che aveva fatto lo screening due mesi prima, con sola mammografia, accompagna una sua amica ad una visita da me. Vedendo la complessità del mio controllo esprime qualche dubbio sul suo screening, così decido di vederla. Ebbene, dalla mia visita con ecografia ho trovato un tumore che quella mammografia non aveva evidenziato. Questo a conferma dei miei dubbi, per come viene attuato ora, sullo screening di massa”. Lo specialista, nelle risposte alle tantissime domande degli ascoltatori, ha avuto modo di puntualizzare che, a volte, il cancro alla mammella si manifesta dalla palpazione medica dei linfonodi ascellari e non del seno stesso, che non presenta alterazioni. Insomma, la diagnosi precoce è fondamentale e bisogna iniziare presto. Per avere ulteriori informazioni: www.donnaperdonna.it; info@donnaperdonna.it (anche per domande al dottor Cirelli). La diretta è sul sito www.temporadio.it. (e.b.)