B3C42F49-6702-4784-82F8-2ADCC81AEE95

LUIGI FILIPPINI: “CANCRO AL SENO, VALUTARE ANCHE I CASI DA PARTE DI PADRE”

La scorsa settimana a TempoRadio, nell’ambito delle trasmissioni medico-informative dell’associazione ‘Donna per donna’, assieme a Clara Polato è intervenuto il dottor Luigi Filippini, chirurgo senologo dell’Ospedale Civile di Brescia. Lo screening per il carcinoma mammario – ha spiegato Filippini – avviene per la fascia dai 50 ai 75 anni d’età. Esso è entrato nella cultura delle donne, che ormai hanno la consuetudine a sottoporsi a dei controlli al seno. Però, ugualmente, spesso di riscontrano delle patologie in corso e non troppo allo stadio iniziale, mentre continuiamo a parlare di prevenzione e, soprattutto, di diagnosi precoce. Capita di visitare donne che da 20 anni non fanno un’ecografia o una mammografia”. “Oggi c’è anche una valutazione genetica, partendo da casi avvenuti in famiglia. Attenzione, perché la parte paterna equivale a quella materna per il rischio di cancro alla mammella. Anzi, ancora di più – ha evidenziato il dottor Luigi Filippini -. Si devono valutare i parenti di primo grado, ossia madre, sorella o figlia e poi padre, nonna paterna e la sorella del papà. Nei casi si individui un rischio di fattore genetico, si intraprende una particolare procedura che qui non riusciremmo ad illustrare”. Tante le domande delle ascoltatrici, giunte nel corso della trasmissione. Rispondendo, il dottor Filippini ha raccomandato di iniziare a sottoporsi a visite ed ecografia mammaria dai 35 anni. “Dai 40 anni, poi, bisogna assolutamente farsi vedere una volta l’anno”, ha aggiunto lo specialista. Clara Polato ha riferito, in chiusura, che la sede dell’associazione ora è in Via Giosuè Carducci, 21 a Desenzano del Garda, vicino al Comune. Per chi fosse interessato ad associarsi, la quota è di 22 euro l’anno. Per avere ulteriori informazioni: www.donnaperdonna.it; info@donnaperdonna.it, oppure si può telefonare a Clara Polato al 338-5890225. La diretta si trova sul sito www.temporadio.it. (e.b.)