08-magno+clara Q

PREVENZIONE DEL CANCRO ALLA MAMMELLA

A TempoRadio intervento del Professor Lorenzo Magno, ospite dell’Associazione ”Donna per Donna Onlus.”

LA PREVENZIONE DEL CANCRO ALLA MAMMELLA

Nell’ambito delle trasmissioni medico-informative a cura di ‘Donna per donna’, la scorsa settimana a TempoRadio, assieme a Clara Polato, è stato ospite il professor Lorenzo Magno. Tema della chiacchierata, in particolare la prevenzione del tumore al seno. “Le tecniche diagnostiche per scoprire un cancro della mammella in fase iniziale si sono molto affinate e comportano vantaggi nel senso di riduzione di mortalità – ha spiegato Lorenzo Magno -. Resta aperto il problema di attuare la prevenzione primaria del cancro della mammella, l’impedire che un tumore nasca”. “La regola fondamentale, a disposizione di ogni persona, è quella di seguire, attuare uno stile di vita che riduca di molto il rischio di ammalarsi – ha proseguito lo specialista -. In sostanza, è utile controllare l’alimentazione, mantenere a tutte le età un’attività fisica, abolire l’assunzione di tossici, il consumo di alcoolici, il fumo di sigaretta. Controllare il peso corporeo. Esistono poi condizioni fisiopatologiche sulle quali ognuno di non può facilmente esercitare un controllo e che si riassumono nell’esposizione agli estrogeni per lunghi periodi della vita. Ci riferiamo agli estrogeni endogeni, ma anche a quelli somministrati come farmaci: la terapia estrogenica per ridurre o abolire i sintomi della menopausa, ma anche gli estroprogestinici impiegati a titolo anticoncezionale. Hanno una pesante influenza sul rischio di cancro della mammella, inoltre, le mutazioni genetiche delle quali le più note riguardano i geni BRCA1 e BRCA2”. “In sostanza se vi è un rischio elevato per il cancro mammario, è disponibile una terapia medica che utilizza i modulatori di attività dei recettori cellulari per gli estrogeni: i SERM – ha sottolineato il professor Lorenzo Magno -. Al presente s’impiegano con successo il tamoxifene, il raloxifene, l’exemestano, l’anastrozolo che dimezzano la comparsa dei tumori mammari”. È possibile ascoltare e commentare la trasmissione sul sito www.temporadio.it. (e.b.)